Seleziona una pagina

Leggevo in questi giorni di problematiche grosse anzi enormi per i giganti dell’elettronica, nella fattispecie Trony e Mediaworld.
Nelle news di questi giorni puoi leggere:

Trony: centinaia di posti di lavoro a rischio a Milano e nel resto d’Italia.
E poi ancora: è critica la situazione all’interno del gruppo Trony, circa 800 dipendenti in Italia
Mediaworld: MediaWorld taglia sedi e salari dei lavoratori. Sindacati annunciano sciopero il 3 marzo.

Dopo il colossale fallimento dell’americana Toys “R” Us, questo sembra l’apocalittico scenario di questo settore.

Ma cosa possiamo leggere in queste righe che accomunano queste difficili situazioni ed i macellai?

Questi colossi hanno un problema enorme, tutti vendono le stesse ed identiche cose, gli stessi telefoni le stesse tv ecc…
I lavoratori di queste catene NON sono venditori, sono li semplicemnete per indicare su che scaffale ed in che corsia trovare l’elettrodomestico di cui hai bisogno.

Ormai comprare online o in centri fisici per noi utilizzatori finali non ha alcuna importanza.

Che differenza c’è tra questi casi ed il tuo caso?

Innanzi tutto, ciò che vendi, la costata che vendi te non è uguale a quella del tuo vicino, potrebbe variare la frollatura, la bestia ecc

Ma non c’è ben altro.

Oltre all’unicità della merce un cliente torna da te per l’esperienza d’acquisto che ha provato nella tua macelleria, come l’hai fatto sentire? Come si è trovato?

Il tuo cliente non deve sceglierti perché sei l’unico macellaio del paesino, ma deve sceglierti perché sa che da te può soddisfare un suo bisogno.

Come macellaio non sei li solo a vendere carne, ma stai soddisfacendo un bisogno concreto di un tuo cliente.

Questi grossi centri non sono più capaci di soddisfare i nostri bisogni e pertanto falliscono!